Domanda di ammissione
 
 
 

In questa sezione potete scaricare il modulo di richiesta di ammissione alla Fondazione.
Sono presenti anche dei documenti allegati di informazione.

Domanda di ammissione  
 
Certificato medico  
 
Informazioni sulla domanda di ammissione  
 

FOTOCOPIE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA:

  • Certificato di residenza in originale o autocertificazione
  • Codice fiscale
  • Documento di identità
  • Tessera sanitaria
  • Tessera esenzione ticket
  • Eventuale verbale o copia domanda di invalidità civile e d’accompagnamento
 
 

REQUISITI PER L’ACCESSO


La Fondazione accoglie persone, di entrambi i sessi, che:
  • presentino apposita domanda di inserimento, accettando le norme e condizioni che regolano l’ospitalità, stabilite dalla Fondazione;
  • siano non autosufficienti e abbiano compiuto i 65 anni d’età (eventuali deroghe sono concesse dall’ATS INSUBRIA di Como);
  • abbiano la residenza nelle Regioni Lombardia;
  • non siano affette da morbo di Alzheimer in fase attiva o da patologie psichiatriche che provochino incompatibilità con la vita comunitaria;
  • non siano affette da malattie infettive o contagiose;
  • non si trovino in stato vegetativo.
 
 

DOMANDA DI INSERIMENTO


Per fare domanda di inserimento occorre compilare e presentare la documentazione predisposta (che può essere ritirata presso l’Ufficio Segreteria della Fondazione oppure scaricata dal sito www.fondazioneborletti.it), costituita da:

1) scheda conoscitiva inerente alle condizioni fisiche del richiedente ospitalità;
2) certificato redatto dal medico curante;
3) allegati richiesti.

La domanda consegnata viene protocollata su un apposito registro (che riporta numero e data della richiesta) e inserita nella lista d’attesa.
  • ordine cronologico della domanda;
  • residenza in Arosio, nella provincia di Como e nelle provincie limitrofe;
  • non siano affette da morbo di Alzheimer in fase attiva o da patologie psichiatriche che provochino incompatibilità con la vita comunitaria;
  • valutazione della gravità e/o urgenza segnalata dal medico curante od ospedaliero;
  • provenienza dal domicilio.

Considerati i tempi, solitamente lunghi, necessari per soddisfare le domande, è previsto un riesame periodico delle richieste al fine di aggiornare le liste d’attesa.

 
 

CORREDO CONSIGLIATO


Ogni ospite che faccia ingresso nella Residenza deve essere munito di biancheria e vestiario necessario, elencato nella domanda di ricovero. Ogni capo deve essere contrassegnato e identificato al momento dell’ammissione nella RSA.

 
 

MODALITA’ DI ACCOGLIENZA


All’ingresso di un nuovo ospite, viene effettuata la visita medica con l’apertura del FASAS (Fascicolo Socio-Assistenziale e Sanitario) e la compilazione dei relativi documenti.
I dati conoscitivi sulle condizioni psico-fisiche e sulle esigenze dell’anziano sono raccolti nella scheda di valutazione redatta dal fisioterapista, dal personale infermieristico e socio-assistenziale, e dagli animatori per la parte relativa all’anamnesi sociale e familiare.
L’ospite è quindi inserito nel “Progetto accoglienza”: il monitoraggio di 7 giorni consente un’analisi puntuale e dettagliata delle sue condizioni.
Nella presa in carico dell’ospite, particolare attenzione è riservata alla visita guidata della struttura, durante la quale vengono illustrate le caratteristiche degli ambienti, oltre alle regole socio-organizzative della Residenza. La guida spiega le modalità di accesso ai servizi maggiormente utilizzati, passando poi alla presentazione del personale, dei compagni di camera e degli altri ospiti.

 
 

OGGETTI PERSONALI


Si suggerisce di non tenere con sé oggetti personali di valore o consistenti somme di denaro. La Direzione non risponde di eventuali furti. In alcuni casi particolari, è possibile depositare presso L’Ufficio Segreteria piccole somme che verranno gestite secondo le esigenze dell’ospite o le indicazioni fornite dai suoi familiari.

 
 

PERMESSI DI USCITA


All’interno della struttura l’ospite gode della propria libertà nel rispetto della vita comunitaria.
Le uscite, possibili solo con un accompagnatore, devono essere comunicate alla Direzione Sanitaria, previa compilazione del modulo per il rilascio dell’autorizzazione.

 
 

• DIMISSIONI


Le dimissioni volontarie da parte dell’ospite devono essere comunicate con un preavviso di almeno 5 giorni e sottoscritte dall’interessato o, in sua vece, da un familiare referente.
A fronte di una situazione critica, dopo aver espletato e approfondito il caso nel tentativo di trovare una soluzione concordata con i familiari, la Presidenza si può trovare nella necessità di dimettere l’ospite con un preavviso di 10 giorni, qualora si verifichino le seguenti condizioni:

1. lo stato psico-fisico dell’ospite è peggiorato, rendendolo incompatibile con la vita comunitaria;
2. l’ospite e/o i suoi familiari esprimono grave insofferenza nei confronti dei metodi o dell’operato sanitario e/o gestionale della struttura;
3. l’ospite è moroso, da oltre 4 mesi e senza giustificati motivi, per non aver versato la retta entro i termini di scadenza.

 
 
 
P.IVA 00784340135 | Privacy | Cookies Policy