Obiettivi
 
Assistenza disabili
 
 

MISSION E POLITICA PER LA QUALITÀ

La Fondazione Borletti è una struttura che eroga un servizio sanitario-assistenziale continuativo a carattere residenziale per anziani non autosufficienti.

Il servizio consiste nel garantire l’osservanza delle vigenti e future normative applicabili e nell’assicurare il soddisfacimento dei bisogni socio-relazionali e sanitari dell’ospite.

Attenzione specifica viene rivolta al continuo miglioramento dello stato di benessere dell’ospite, attraverso la ricerca di una personalizzazione del servizio e di un livello qualitativo di eccellenza.

Oggi, la Fondazione ha impostato una metodologia di lavoro tracciando obiettivi che costantemente si propone di verificare:

  • potenziare le proprie capacità e risorse per creare un contesto residenziale aperto alle prerogative dell’anziano e a tutti gli apporti che potrebbero provenire dalla comunità locale;
  • indirizzare gli interventi verso una migliore qualità della vita, nella sua valenza soggettiva;
  • individuare metodologie atte ad effettuare la personalizzazione dei servizi e degli interventi offerti favorendo il raggiungimento di un equilibrio che sappia integrare le diverse funzioni e competenze, nella logica di ricercare attraverso un lavoro d’equipe tra gli operatori il massimo recupero funzionale degli ospiti;
  • indirizzare il percorso formativo del personale verso una continua e maggiore acquisizione di nozioni, competenze, culture, in considerazione delle mutazioni sociali ed individuali degl assistiti, favorendo un arricchimento soggettivo tale da utilizzare operativamente nelle varie e più adeguate forme, nuove tecnologie, metodologie e strumenti;
  • potenziare, con un aiuto relazionale, le risorse umane e funzionali degli ospiti attraverso lo sviluppo di processi indirizzati al mantenimento delle loro capacità;
  • favorire un processo di sviluppo di comunità stimolando i cittadini verso la conoscenza della struttura, il senso di responsabilità e di coinvolgimento per una partecipazione attiva con la formazione di gruppi o associazioni di volontariato;
  • individuare una modalità di relazione per potenziare e sviluppare nuove collaborazioni con strutture, operatori di settore e ASL competente, per un confronto delle proprie esperienze;
  • attivare strumenti atti a garantire agli ospiti la salvaguardia dei propri diritti e la partecipazione ai sistemi di controllo e valutazione sulla qualità delle prestazioni e dei servizi offerti.